08.06.2020

E- Coordina l'intervista ad Ana Belén Valderas, Tecnico in Prevenzione dei Rischi sul Lavoro a OKIN

E-coordina pubblica una serie di interviste ai responsabili della prevenzione di alcune aziende del Paese, che riflettono l'esperienza di queste aziende nell'affrontare la prevenzione dei rischi lavorativi in tempi di pandemia.

Abbiamo vissuto qualcosa che nemmeno immaginavamo ci avrebbe toccato. Socialmente, in salute, economicamente... È una pietra miliare, un prima e un dopo. Ma lo sarà senza dubbio anche nel campo delle ORP, della salute e della sicurezza sul lavoro. In questo senso, come vivete questi momenti nella vostra azienda? Come vi ha cambiato?

- In questo senso, essendo un'azienda alimentare, molte delle misure che le aziende stanno adottando sono già state realizzate, come la pulizia, l'uso di maschere o guanti in alcune aree.

Tuttavia, la pulizia è aumentata nelle aree comuni e si stanno effettuando nuovi processi di pulizia con diversi prodotti. L'uso delle maschere, abituale negli ambienti di lavoro, è stato esteso a tutte le aree, sia in produzione che negli uffici, e la capacità delle aree comuni, come la sala da pranzo o gli spogliatoi, è stata limitata...

È una domanda breve, ma la risposta può essere molto ampia. Nella vostra cornice, come sarà il dopo, di fatto così com'è?

- È chiaro che questa situazione segnerà un prima e un dopo per noi, abbiamo imparato molto e crediamo che molte delle misure attuate siano arrivate a rimanere con noi e a migliorare.

Abbiamo imparato che si può comunicare con diversi mezzi senza dover essere presenti (per esempio, attraverso le squadre), che le misure igieniche sono fondamentali e necessarie per evitare il contagio, che indossare una maschera è diventata una necessità che i lavoratori richiedono e non un obbligo come si poteva vedere prima dell'arrivo della pandemia.

Quali misure ritiene che si debbano adottare nell'ambito della prevenzione?

- Nell'ambito della prevenzione, sono state attuate misure obbligatorie come la distanza tra le persone di 2 metri, l'uso obbligatorio di maschere in tutti i settori, la pulizia degli strumenti comuni che sono indispensabili per condividere dopo l'uso (come le ruote della carriola), il controllo della temperatura degli utenti... 

Molti lavori di miglioramento eseguiti dagli appaltatori sono stati interrotti per impedire l'accesso del personale esterno alle nostre strutture, così come le visite dei fornitori. Tuttavia, alcune delle misure, come quest'ultima menzionata, subiranno un'attenuazione e quindi rimaniamo costantemente attenti alle nuove misure che sono in corso di approvazione da parte dello Stato.

 In questo senso, quale sarà il ruolo del Coordinamento delle Attività Commerciali?  

- Le stesse misure sono state attuate anche per i lavoratori del CAE, poiché, alla fine, sono lavoratori e noi li accogliamo come nostri con lo stesso trattamento e le stesse regole. Per questo motivo, abbiamo creato un nuovo documento "Protocollo COVID" sulla piattaforma e-coordina in modo che tutti i nostri subappaltatori siano a conoscenza delle normative implementate in OKIN e conoscano i protocolli stabiliti prima che arrivino.

Sarà difficile adattarsi alla nuova situazione. Nei centri di lavoro, nel rapporto con i vostri lavoratori o nei vostri contratti? Quali difficoltà incontreremo?

- Abbiamo già attraversato la fase di adattamento, ma è stata più che altro l'incertezza iniziale su come il virus avanzerebbe e su come ci influenzerebbe. Ma fin dall'inizio abbiamo creato un comitato per poter prendere misure in questa direzione e siamo orgogliosi di come tutti i lavoratori l'abbiano accettato. 

Maschere, controlli della temperatura, separazioni..., come affrontiamo tutto questo, è fattibile, è necessario, deve essere obbligatorio?

- Per quanto riguarda i DPI, come le maschere, dovrebbero essere obbligatori quando siamo a meno di 2 metri di distanza o quando ci troviamo in piccoli spazi comuni come le riunioni dove l'ambiente può caricarsi e il virus può diffondersi tra di noi. 

La febbre è uno dei sintomi del virus, che possiamo misurare e quindi rilevare se la persona può trasmettere il virus, quindi in OKIN abbiamo preso come misura obbligatoria il controllo della temperatura degli utenti.

La sua visione del futuro come professionista Impareremo da ciò che è successo, ne usciremo più forti?

- Tutto ciò che accade, nel bene e nel male, serve a imparare e a prevenire future pandemie o situazioni simili. È come un progetto che ci è arrivato senza preavviso e che abbiamo dovuto affrontare con i mezzi che avevamo a disposizione. Sono orgoglioso del team che abbiamo in OKIN perché navighiamo tutti insieme con lo stesso obiettivo quando si tratta della situazione attuale. Questo per evitare il contagio e la diffusione del virus.


 

OKIN, che in basco significa "panettiere", è un'azienda fondata nel 1994 e situata sulla Costa Vasca (a Zumaia, a 40 km da San Sebastian). Siamo un'azienda di stampo familiare, completamente concentrata sulla creazione del pane. Non ci sono scorciatoie o ingredienti segreti. La nostra evoluzione e crescita nel corso degli ultimi 25 anni si è basata esclusivamente sull'impegno dei nostri lavoratori. Ed è per questo che crediamo nell'impiego di personale della zona, nel mantenere relazioni di lealtà e fiducia con i nostri fornitori, clienti e partner e in una comunicazione al consumatore trasparente e concisa.

Made in Zumaia

Seguici sui social network

Contatto

Tel. +34 943 865 650
Pol. Industrial Jose María Korta, parc 5, 20750 ZUMAIA (Gipuzkoa), Spagna
Artadi Alimentación S.L.
CIF B-20682522