10.12.2021

AETC, Associazione dei tecnici dei cereali intervista Agustín Del Canto, direttore generale di Okin.

"Una sostenibilità aziendale ben compresa si basa su tre parti perfettamente equilibrate: quella ambientale, quella sociale e quella economico-finanziaria".

AETC: L'azienda ha iniziato 25 anni fa e, da allora, è riuscita a mantenere la sua posizione di riferimento nel settore del pane. Come si è evoluto il settore durante questo tempo?

Agustín Del Canto: Il settore è maturato durante tutto questo tempo. Questo è sia buono che cattivo perché ci sono nuovi prodotti e concorrenti che entrano costantemente nel mercato. D'altra parte, ci sono anche buone notizie perché siamo diventati più professionali e stiamo lavorando duramente, e molto bene, per nobilitare il settore del pane, fornendo valore e soluzioni al cliente e al consumatore finale. Allo stesso modo, ci siamo evoluti per quanto riguarda il marketing, mettendo al centro il consumatore e le sue esigenze.

AETC: La sostenibilità è uno degli assi strategici su cui si impernia il futuro dell'azienda. Come affronta questa sfida?

Agustín Del Canto: Negli ultimi due anni, a Okin, abbiamo smesso di guardare l'ombelico e abbiamo scoperto un ambiente su cui possiamo avere un impatto positivo. In questo modo, la sostenibilità ci ha dato uno scopo e una ragione di esistere. Dobbiamo essere tutti consapevoli, consumatori e acquirenti, imprese e governi, che tutte le nostre decisioni hanno un impatto sull'ambiente. Secondo me, una sostenibilità aziendale ben compresa si basa su tre parti, sostenibilità ambientale, sociale e finanziaria, che devono essere perfettamente bilanciate.

AETC: In questo senso, gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (SDGs) stabiliti dall'ONU sono integrati nella vostra strategia aziendale? Come?

Agustín Del Canto: Dalla nostra azienda abbiamo cercato di essere molto pratici, perché siamo una PMI e non abbiamo i mezzi di altre grandi aziende, ma crediamo che possiamo avere un grande impatto sul nostro ambiente. Pertanto, ciò che abbiamo fatto è utilizzare gli SDGs come strumento per aiutarci a coprire le esigenze che un'azienda che vuole essere sostenibile deve avere. Così, una volta che gli SDGs sono stati catalogati e classificati, abbiamo identificato quattro o cinque che sono molto vicini alla nostra attività e che possono avere un grande impatto. Allo stesso modo, in un secondo cerchio di influenza ne abbiamo altri tre o quattro e poi il resto in un terzo cerchio più lontano da noi. Inoltre, abbiamo creato un gruppo multidisciplinare che lavora allo sviluppo, progettazione e monitoraggio di un piano annuale in tutti i dipartimenti per lo sviluppo di azioni concrete e specifiche che migliorano secondo il prisma di uno degli SDGs. Per esempio, la riduzione degli input o l'uso di rifiuti, il consumo di energia verde, la realizzazione di un piano di uguaglianza e di riconciliazione familiare...

AETC: La digitalizzazione e l'industria 4.0 sono una delle sfide del futuro nel settore del pane. Quali progetti state portando avanti in questo senso? Quali sfide rimangono da affrontare nel settore in termini di R&S&I?

Agustín Del Canto: La nostra azienda è abbastanza avanzata in termini di processi e strutture, soprattutto in termini di robotica, big data, ecc. Questo perché stiamo usando le nuove tecnologie da diversi anni per capire e migliorare i nostri processi. Tuttavia, lo vedo come una parte ovvia del 4.0. Se vogliamo davvero essere un'azienda digitalizzata, dobbiamo iniziare a usare strumenti 4.0 per capire il consumatore nei suoi momenti di acquisto, abitudini o necessità. Questo è uno dei nostri affari incompiuti, come PMI; usare le nuove tecnologie e i dati dei clienti per sviluppare prodotti ad alto valore aggiunto.

AETC: Per quanto riguarda la XXXIII Conferenza Tecnica dell'AETC, la sua azienda ha partecipato alla presentazione "Presente e futuro della catena del valore dei cereali in Spagna". Quali conclusioni trae dopo averla svolta? Il settore è sulla strada giusta?

Agustín Del Canto: La mia conclusione, dopo aver evidenziato le molte preoccupazioni del settore, è che è essenziale che tutti gli anelli della catena del valore lavorino verso gli stessi obiettivi, soprattutto in termini di sostenibilità. A Okin, crediamo molto nell'innovazione aperta e per noi è molto importante aprirci ad agenti con le stesse preoccupazioni e valori per poter lavorare insieme allo sviluppo di pane di qualità e sostenibile.

 

OKIN, che in basco significa "panettiere", è un'azienda fondata nel 1994 e situata sulla Costa Vasca (a Zumaia, a 40 km da San Sebastian). Siamo un'azienda di stampo familiare, completamente concentrata sulla creazione del pane. Non ci sono scorciatoie o ingredienti segreti. La nostra evoluzione e crescita nel corso degli ultimi 25 anni si è basata esclusivamente sull'impegno dei nostri lavoratori. Ed è per questo che crediamo nell'impiego di personale della zona, nel mantenere relazioni di lealtà e fiducia con i nostri fornitori, clienti e partner e in una comunicazione al consumatore trasparente e concisa.

Made in Zumaia

Seguici sui social network

Contatto

Tel. +34 943 865 650
Pol. Industrial Jose María Korta, parc 5, 20750 ZUMAIA (Gipuzkoa), Spagna
Artadi Alimentación S.L.
CIF B-20682522